TobinTax News IIa Serie n.1

Condividi:

Da qui alla legge vera e propria il cammino è lungo e difficile, ed è necessario – soprattutto con questa maggioranza – seguire questo iter per impedire che tutto si perda tra le migliaia di documenti parlamentari o che qualcuno provi a giocare delle sorprese, cambiando lo spirito e gli scopi della Tobin Tax.

Al momento in cui scriviamo, la situazione è questa.

Esistono 5 proposte di legge all’esame congiunto delle Commissioni Finanze ed Esteri, ma quello preso a base della discussione è il nostro.

L’esame è iniziato il 6 marzo scorso con la presentazione da parte dei due presidenti: Alfieri Grandi, Finanze, DS, ovviamente favorevole; e Giampaolo Landi di Chiavenna, Esteri, (il cui nome è già tutto in programma), Alleanza Nazionale.

Quest’ultimo, pur dichiarandosi contrario, ha tuttavia correttamente convenuto che l’enorme movimento di capitali va esaminato, così come va esaminato “se abbia senso. mettere un po’ di sabbia nell’ ingranaggio delle operazioni finanziarie ultraveloci”.

Le Commissioni hanno quindi deciso di iniziare una fase istruttoria, che dovrà concludersi entro dicembre di quest’anno, che comprende tra l’altro l’audizione di una serie di esperti.

Attac ha già fornito un’abbondante lista.

La prima audizione avrà luogo giovedì 5 giugno. Sono stati convocati 8 economisti, tra i quali Emiliano Brancaccio.

Stiamo ora valutando con Alfiero Grandi – che è il nostro principale riferimento – se sia meglio iniziare un’opera di pressione sui parlamentari delle Commissioni o se questo potrebbe diventare controproducente.

Per il momento abbiamo provveduto a spedire a ciascun componente delle commissioni interessate, il materiale da noi prodotto durante la campagna (volantino, cartoline, libro “Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Tobin Tax e nessuno vi ha mai raccontato”).

BELGIO

Anche in Belgio era iniziato l’iter parlamentare di discussione della TT.

Ma il Ministro delle Finanze Reynders, liberale (il Belgio era governato da una quantomeno insolita coalizione socialisti-verdi-liberali) è riuscito a rimandare il tutto alla prossima legislatura, anche con un espediente poco corretto se non illegale.

Si è infatti presentato in Commissione Finanze con un documento scritto solo in fiammingo. Siccome in Belgio tutti gli atti parlamentari devono essere bilingui, buon gioco hanno avuto i membri (liberali) della Commissione a chiedere il rinvio della discussione a non si sa bene quando, vista l’imminenza delle elezioni.

VENEZUELA

Il Ministro delle finanze ha presentato al governo Chàvez un progetto di legge per introdurre la Tassa Tobin.

Salvo imprevisti (tipo un nuovo golpe o l’invasione diretta da parte degli USA) la tassa dovrebbe essere operante tra circa 4 mesi, una volta conclusosi l’iter parlamentare.

BRASILE

Secondo il “Jornal do Brasil” dell’8 maggio scorso, il Ministro delle Finanze del governo Lula avrebbe dichiarato, all’inizio di maggio, che il Brasile non può permettersi alcuna tassa sui capitali, vista l’esiguità delle riserve in valuta e la conseguente necessità di attirare capitali.

Vedremo il seguito.

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie