Solidarity with Brussels

Condividi:

bruxelles_attentati.jpg

dalla Rete Europea di Attac

Questo martedì, 22 marzo 2016, degli attacchi terroristici a Bruxelles hanno provocato decine di morti e centinaia di feriti. Essi possono essere solo condannati e il nostro più profondo cordoglio va ai parenti e amici delle vittime.
Ma dobbiamo anche restare vigili contro la possibilità di vedere i nostri diritti democratici limitati per lo stato di emergenza.
Ma dobbiamo tenere a mente che il Belgio è in guerra, direttamente o indirettamente, in diversi paesi e che la guerra significa morte nello stesso modo, peraltro, della vendita di armi e munizioni.
Ma dobbiamo essere consapevoli che la morte colpisce intorno a noi in molti altri modi che possono e devono essere prevenuti, come le vittime di radiazioni nucleari o i migranti che annegano nel Mediterraneo, in fuga da conflitti in cui non siamo innocenti.
Infine, e soprattutto, dobbiamo rifiutare l’invito a odiare gli “arabi” o i “musulmani”; dobbiamo lavorare insieme per un mondo più giusto e solidale.

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie