Piccole opere crescono

Condividi:

striscione-attac-GE

 

(ovvero i frutti possibili di una elaborazione collettiva)
di Marina Savoia

Nulla di fatto, tanto di pensato con quattro incontri dell’Università di ATTAC-Genova Ma anche molto di scambiato e condiviso. L’avvio, insomma, di una elaborazione collettiva in merito alle questioni che nell’attuale situazione politica ribollono… senza pentola! Perché, se il caos è sistemico e globale, la soluzione va cercata a livello generale e trasversale e va dettagliata nei territori, partendo dal Comune: dal comune sentire degli abitanti, per quanto variegato esso sia, dalla realtà sociale dell’economia e dal filo sottile che collega le tante facce dell’attivismo politico nonostante la diversità di percorsi, contenuti e ricorsi.

Le quattro giornate di autoformazione, incentrate su finanza locale e debito, nuove economie sociali e ruolo dell’istituzione comunale, strumenti di partecipazione, rappresentanza e democrazia di prossimità, conclusesi il 4 luglio con il contributo di Marco Bersani, hanno prodotto, come è naturale in questo tipo di percorso, più domande che risposte. E l’elaborazione è solo agli inizi. Quanto alle proposte che comunque ci sono state in qualche modo, c’è da dire che sul nostro territorio genovese sono già in corso tante azioni politiche, più o meno efficaci, di respiro più o meno ampio e con obiettivi più o meno circoscritti. Rispetto a queste azioni i momenti di confronto e di studio servono a precisare il senso, l’apporto positivo e i limiti dell’attivismo locale, ma soprattutto servono a inquadrarlo nel contesto più ampio nel quale le azioni popolari giocano la propria partita e vanno a scontrarsi e scornarsi col sistema imperante.
A questo proposito segnalo un piccolo frutto a sostegno dell’idea che l’analisi e l’elaborazione collettiva e la condivisione di esperienze servano al cambiamento:
si è tenuto pochi giorni fa a Genova un incontro fra tutte le realtà cittadine non istituzionali che in un modo o nell’altro sono interessate alla valorizzazione culturale della Val Bisagno che abbraccia anche i piccoli comuni a monte di quello genovese. Erano presenti cittadini impegnati, in quanto residenti, nelle più svariate iniziative a favore della sostenibilità ambientale e della vivibilità e quindi al recupero dell’area sotto il profilo storico, economico, idrogeologico e sociale. Alcune persone delle associazioni promotrici dell’incontro e del progetto avevano partecipato all’Università di ATTAC-Genova e hanno dato il proprio contributo all’elaborazione collettiva. ATTAC, che non è territoriale ma con Riprendiamoci il Comune ha fatto della territorialità la base del suo percorso politico, è stata invitata e sosterrà l’iniziativa che, come si è rilevato, può far compiere un passo in avanti e un salto di qualità.
Da tempo in quest’area c’è chi resiste e lotta contro il degrado ambientale e civile, ma se il convegno ultimo, promosso da alcune di stesse associazioni, era incentrato sul territorio come bene comune, in questo incontro esplorativo e nel progetto che è stato presentato, ci sembra emergere la necessità e la volontà di (ri)costruire comunità e di (ri)trovare quel “senso del comune” di cui siamo tutti alla ricerca e di cui non possiamo, però, che essere i fautori e i responsabili, a partire dalle relazioni umane, dal rapporto coi “beni” e dalle azioni politiche in cui impegniamo la nostra umanità.

Articolo tratto dal Granello di Sabbia n. 21 di Settembre-Ottobre 2015 “Finanza & Grandi Opere 2.0”, scaricabile qui.

 

 

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie