Pandora Papers, non sono uno scandalo, sono un sistema

Condividi:

Articolo pubblicato su Popoff Quotidiano 8/10/2021

L’affare dei Pandora Papers mostra l’architettura economica, commerciale e legale globale dello sfruttamento [Yago Álvarez Barba]

LuxLeaks, Panama Papers, Paradise Papers e ora i Pandora Papers. Un altro di questi scandali è stato portato alla luce da giornalisti che ci mostrano le fogne fiscali globali e come funzionano. Dai presidenti latinoamericani che continuano a ripetere che “il denaro è meglio nelle tasche dei contribuenti” agli artisti e agli sportivi che non esitano a difendere il loro nazionalismo davanti alle telecamere. Non sono più solo le persone più ricche del pianeta o le aziende più redditizie a comparire, l’industria dell’evasione fiscale sta bussando alle porte di chiunque abbia un capitale sufficiente a lasciargli una succulenta commissione per spostare quel denaro. Non è più solo una questione di grandi uomini d’affari. Ci sono studi legali con uffici a Castellana o Diagonal che sposteranno il tuo capitale ad Andorra o Panama, che tu sia un re o uno youtuber. E mi capisca, non voglio dire che El Rubius o Vargas Llosa non siano ricchi, ma non sono Amancio o re.
L’evasione fiscale è sempre più disponibile e alla portata di tutti i tipi di capitale. A tutti i livelli e in tutti i luoghi. E la cosa peggiore è che la stragrande maggioranza di queste pratiche sono legali, perché il sistema lo permette. O piuttosto perché il sistema lo promuove, è progettato per questo.
Abbiamo torto a considerare ciò che queste nuove fughe di notizie ci dicono come uno scandalo, anche se ne siamo scioccati. È molto più di questo. Ciò che i Pandora Papers e le altre fughe di notizie mostrano è che il mondo è fatto per coloro che vi operano. I governi liberali (compresi quelli che si definiscono socialdemocratici) e le organizzazioni sovranazionali, come la Banca Mondiale, il FMI o la Commissione Europea, hanno strutturato un pianeta secondo le regole del libero mercato e della libera circolazione dei capitali, progettato in modo che le imprese e il grande capitale possano sfuggire alle finanze pubbliche, in modo che possano eludere la distribuzione della ricchezza da parte degli Stati per distribuirla solo tra i loro azionisti o semplicemente non distribuirla affatto.
Gli studi legali e le società di consulenza sono solo dei facilitatori. Sono quelli che conoscono bene queste strutture, perché in molti casi hanno fatto parte dei partiti politici o sono funzionari pubblici che le hanno progettate, e sanno come costruire una struttura personalizzata secondo il gusto del cliente.
Se vuoi comprare una villa o uno yacht e non pagare le tasse, allora una società di comodo alle Bahamas. Vuoi che i dividendi che ricevi dalle tue azioni nelle società non paghino l’imposta sulle plusvalenze, quindi li distribuisci in Lussemburgo e li incassi attraverso un’altra società di comodo nelle Isole Cayman. La tua azienda ha bisogno di stabilirsi in Europa, ma non vuoi contribuire alle casse dei paesi europei, quindi progetti una struttura basata in Irlanda, che paga i dividendi al Lussemburgo e finisce in una di quelle isole caraibiche. Ci sono tecniche di elusione per tutti i gusti e le esigenze.
E con questo non voglio dire che non siano colpevoli e complici in pratiche illegali o nell’aiutare a ripulire il denaro sporco da ogni sorta di fonti oscure, ma penso che sia necessario guardare la luna e non solo fissare il dito in segno di sdegno.

Eludere per sopravvivere
Sì, sembra strano, ma è così. Il libero mercato, la concorrenza globalizzata e l’asservimento delle imprese ai loro azionisti che esigono profitti e dividendi a breve termine, aggiunto al fatto che il grande capitale ha sempre più difficoltà a trovare nuovi mercati da sfruttare e nuovi paesi da dissanguare, ha indurito la concorrenza tra le imprese. È difficile essere “più produttivi”, è sempre più difficile sfruttare i lavoratori, e i circuiti finanziari sono a malapena redditizi con i tassi di interesse ai minimi storici. In mezzo a tutto questo, l’unico modo che hanno per creare margini di profitto è quello di risparmiare le tasse. O eviti le tasse o sei più caro dei tuoi concorrenti. O porti i tuoi profitti in un paradiso fiscale o non paghi tanti dividendi quanto i tuoi concorrenti e gli investitori venderanno le tue azioni per comprare dai tuoi concorrenti, abbassando il loro prezzo e il valore della tua azienda. Evitano le tasse perché tutti al loro livello e nella loro classe sociale lo fanno.
È qui che entrano in gioco l’industria dell’evasione fiscale e i paradisi fiscali: “Vuoi essere più competitivo e i tuoi prodotti più economici? Vuoi compiacere i tuoi azionisti distribuendo un dividendo più alto? Bene, noi possiamo aiutarvi. Ancora una volta, insisto, gli studi legali non sono che piccoli ingranaggi nella ruota di un capitalismo marcio che non cerca più l’innovazione, ma il risparmio egoistico. L’evasione fiscale è un freno all’innovazione, perché chi vorrà investire in Ricerca e Sviluppo per essere più produttivo quando si può essere più produttivi evadendo le tasse.
E non fraintendetemi di nuovo, non sto dicendo che queste aziende non sono da biasimare e responsabili delle loro azioni egoistiche. Se eliminassimo tutti i paradisi fiscali e molte di queste aziende andassero in bancarotta non mi dispiacerebbe per loro, perché quello che mi dispiace davvero sono le PMI che pagano il 25% dei loro profitti e vanno in bancarotta perché non possono competere con le multinazionali che pagano il 3% a livello globale. Mi dispiace per l’azienda che eticamente e responsabilmente contribuisce alle casse pubbliche e vede come un Amazon o uno Zara riducono i prezzi e falliscono perché non possono competere con loro. L’evasione fiscale e i paradisi fiscali distorcono e disprezzano la “libera concorrenza” che i liberali dicono di difendere.

I paesi competono, le aziende vincono, i cittadini perdono
In tutto questo vortice, gli stati sono anche a corto di idee per rendere i loro paesi più attraenti per gli affari e gli investimenti. Il percorso che molti paesi hanno intrapreso è la competizione fiscale verso il basso, cioè abbassare le tasse sulle imprese e sulle plusvalenze fino a quando il risparmio fiscale attrae le imprese, sia che esse generino affari e profitti nel proprio paese o meno. Piccoli territori che, in assenza di industria o di esportazioni, decidono di attirare piccoli uffici dove coesistono migliaia di domicili fiscali di società di schermi in cambio di non far pagare loro un solo euro di tasse.
L’esempio dell’Unione Europea è ancora più scioccante. Non stiamo più parlando di piccole isole senza industria che hanno trovato la loro nicchia nell’evasione fiscale, ma di paesi nel cuore dell’Europa. Lussemburgo, Paesi Bassi, Irlanda e Malta. I primi due sono responsabili della maggiore perdita di entrate fiscali per il resto d’Europa, secondo il Tax Justice Network.
Stati che fanno un gioco sporco con i loro vicini perché, naturalmente, va bene dire ai tuoi concittadini che abbasserai le loro tasse mentre riempirai le casse pubbliche con denaro che corrisponde ai paesi che ti circondano. È bello apparire come un paese che “crea ricchezza” invece di mostrare che non si è altro che una sanguisuga della ricchezza creata altrove e che si è al servizio delle multinazionali e non al servizio del popolo.
Tra tutte le rivelazioni sulle celebrità, ci sono state due notizie questa settimana che sono passate piuttosto inosservate, ma che hanno molto a che fare con i Papers. Il primo è la pubblicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate della sintesi dei dati del Rapporto Paese per Paese del 2018, che elenca 122 multinazionali con sede fiscale in Spagna. I dati hanno mostrato che 20 multinazionali spagnole hanno pagato un’aliquota fiscale effettiva sui profitti dell’1,8% in media a livello globale.
L’altra notizia è che l’Unione Europea ha rimosso Anguilla, Dominica e le Seychelles dalla lista nera dei territori non cooperativi, nonostante il fatto che quest’ultimo appare nei Pandora Papers come uno dei territori chiave coinvolti in strutture di evasione fiscale. L’Europa, cioè i governi che compongono l’Unione Europea, hanno deciso proprio questa settimana di togliere il veto a un paese che è al centro del nuovo “scandalo”. Che l’Europa stia facendo questo non è uno scandalo in sé, anche se è un po’ uno scandalo, ma è il “sistema” globale ed europeo che lo sta guidando.

Non basta puntare il dito contro il miliardario
Quanti scandali ci vogliono per smettere di essere scandali? O meglio, di quanti scandali abbiamo bisogno di sapere prima di renderci conto che non si tratta di eventi unici, ma di un sistema globale di egoismo forgiato nei dogmi neoliberali. Non è “l’ingegneria fiscale di un’azienda”, ma la struttura economica globale fatta su misura per un mondo di affari e di grande ricchezza. La struttura di, da e per il capitale.
E i nomi che riempiono i media in questi giorni non sono solo evasori, ma una nuova classe sociale che ha deciso che il progresso comune e i sistemi di assistenza sociale non fanno per loro. Si riuniscono alle loro feste, condividono i contatti dei loro consulenti e saltano sul carro dell’evasione fiscale. Non si vedono come criminali, ma come membri di una nuova élite globale al di sopra del bene e del male. Credono di essere superiori perché il mondo globalizzato è fatto su misura per loro. In quest’ultima rivelazione di documenti, abbiamo anche visto diversi capi di stato. Persone incaricate di gestire un paese, che si sottraggono alle loro responsabilità fiscali. Impunità assoluta per i lupi che fanno la guardia alle galline.
Ciò che è necessario, quindi, non è solo far pagare agli evasori fiscali ciò che devono più la pena corrispondente, ma affrontare alla radice le tecniche e le strutture globali che facilitano le pratiche di ingegneria fiscale e di pianificazione fiscale, cioè l’evasione fiscale. Non basta far dimettere un paio di politici, ma abbiamo bisogno di decisioni politiche coraggiose prese congiuntamente tra gli stati per mettere fine al business dell’evasione fiscale. Non possiamo accontentarci di puntare il dito contro qualche studio legale, dobbiamo puntare il dito contro le istituzioni europee e mondiali. Dobbiamo fare pressione sui nostri governi affinché inizino un processo globale per smantellare queste reti cooperative di paradisi fiscali, per sanzionare coloro che non rispettano queste riforme, per mettere fuori gioco questi studi legali e per mettere fuori gioco questi milionari e queste aziende. Lo scandalo dei Pandora Papers ci aiuta ad arrabbiarci e ad aprire gli occhi, ma quello che dobbiamo guardare e puntare il dito contro è il sistema.

 

Photo Credits: “Panama Papers Lego Man (Tax Havens)” by jeffdjevdet is licensed under CC BY 2.0

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie