Il Recovery ora mostra i denti

Condividi:

Photo Credits European Parliament
di Matteo Bortolon, Cadtm Italia*
*articolo pubblicato su il manifesto del 12.02.2020
 
In questa fase di riposizionamento continuo di tutti, accanto ai sostenitori del M5S e del PD, oramai tramortiti dalle giravolte dei loro vertici, vanno collocati anche gli estimatori della Lega che, contrariamente all’orientamento precedente, vota favorevole al regolamento del Recovery and Resilience Facility «Dispositivo di Ripresa e Resilienza»).
Tale approvazione, pressoché scontata, fa un po’ di notizia solo come testimonianza del nuovo corso «europeista» del partito di Salvini; ma si rischia di lasciarsi passare sotto al naso il contenuto di tale regolamento.
Il Dispositivo costituisce la parte più rilevante del Next Generation Eu: sul totale di 750 mld € di dotazione ne comprende 672,5.
Se le modalità di finanziamento del Dispositivo sono estremamente discutibili e dense di incognite, il regolamento approvato rende certezza le avvisaglie di stringenti condizionalità che potrebbero rendere estremamente controproducente utilizzare tale strumento.
La disposizione chiave a tal proposito è l’articolo 10: in esso si attesta che si potrà interrompere l’erogazione dei fondi in caso di disavanzo eccessivo (comma 1), o in caso di squilibri eccessivi. Si fa riferimento agli oramai leggendari parametri sanciti nel Patto di Stabilità e Crescita, 60% debito/PIL e 3% deficit, opportunamente calati in una procedura per la quale chi non rientra in essi deve adottare un piano « credibile » per conseguirli. Tutti i testi regislativi presentano diversi termini simili : efficaci, credibili, adeguati. Ma chi decide se gli atti posti in essere dal paese in questione lo sono o no ? La risposta teoricamente è: il Consiglio, cioè i governi. In pratica invece sarà la Commissione a decidere (l’insieme dei Commissari nominati dai governi, e dall’entrata in carica, teoricamente indipendenti ed imparziali rispetto ad essi), perché secondo il comma 3 dello stesso articolo 10 « una proposta di una decisione di sospendere gli impegni presentata dalla Commissione si ritiene adottata dal Consiglio a meno che esso non decida, tramite un atto di esecuzione, di respingere la proposta a maggioranza qualificata »; cioè i governi dovrebbero opporsi in grande maggioranza. Una eventualità poco probabile.
Tutto ciò significa che i fondi del Dispositivo, erogati a rate, potranno essere sospesi non solo in caso di attuazione non-conforme a quanto scritto nel famoso « Recovery Plan » per cui sono stati concessi, ma in caso in non-conformità dell’orientamento della finanza pubblica nel suo complesso con le prescrizioni della Commissione! Un po’ come se un debitore firmasse un contratto che concede al creditore il diritto non solo di controllare cosa fa coi soldi prestati, ma con tutte le sue entrate – e magari anche i ritmi di lavoro ; e di porre in atto azioni coercitive se non ne sia soddisfatto.
La nuova governance economica dell’Unione consiste in larga parte di una ossessiva, occhiuta e persistente vigilanza sui bilanci pubblici ; adesso vengono aggiunte sanzioni significative, ed è il Financial Times a scrivere fuori di ogni reticenza, che le Raccomandazioni del Country Report per i reprobi erano « senza denti », ed adesso vengono loro dati (letteralmente : finally giving them teeth!). A dispetto del fatto che i suddetti parametri sono privi di ogni fondamento e significativa base scientifica, se non il logoro mainstream demistificato cento volte dalla ricerca e dalla realtà ; del fatto che rispettarli si traduce per i paesi più deboli in austerità sostanziale, e la crescita promessa dalla loro adozione non arriva mai, ma al suo posto si presentano ulteriori precarietà e indebolimento delle classi subalterne.

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie