Granello di Sabbia n.41/2019: “La società che vogliamo”

Condividi:


settembre

Per scaricare il pdf, cliccare sull’immagine qui sopra

Indice

Editoriale: Barra a dritta: verso la società che vogliamo

di Vittorio Lovera

 

Lavoro e reddito nella società che vogliamo

Il lavoro nella societa’ che vogliamo

di Marco Schiaffino

Reddito: il neoliberismo autoritario e populista

di Roberto Ciccarelli

 

La rivoluzione ecologica nella società che vogliamo

La rivoluzione ecologica

di Alice Dal Gobbo (Università di Trento)

La rivoluzione ecologica della società che vogliamo: le riflessioni dei gruppi di lavoro

di Vittorio Lovera

Report finale della seconda Assemblea Nazionale di Fridays for Future Italia

di Fridays for Future

 

Pubblico, privato e comune nella società che vogliamo

Sui beni comuni emergenti

intervista a Giuseppe Micciarelli

Il comune, oltre il pubblico e il privato

di Marco Bersani

 

La rivoluzione femminista nella società che vogliamo

La rivoluzione femminista

di Barbara Bonomi Romagnoli e Marina Turi

Sulla rivoluzione femminista

di Fiorella Bomè

 

La questione europea nella società che vogliamo

La questione europea

di Stefano Risso

 

Come si decide nella società che vogliamo

Il ritorno del partito

di Paolo Gerbaudo

Il partito digitale traghetterà il popolo nella società che vogliamo?

di Pino Cosentino

 

Migrazioni e sicurezza nella societa’ che vogliamo

di Roberto Guaglianone

L’esperienza della scuola estiva di Attac

di Manuela Gualdi

La società che vogliamo inizia ora

di Marco Bersani

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie