Esigiamo la liberazione immediata di Fatima Zahra Ould Belaid, militante di ATTAC CADTM Marocco

Condividi:

Comunicato di ATTAC CADTM Marocco, 29 novembre 2021*

*Traduzione a cura di Fiorella Bomé, qui in lingua originale 

Il 25 novembre 2021, agenti di polizia hanno arrestato Fatima Zahra Ould Belaid, militante di ATTAC CADTM Marocco, al suo domicilio a Tangeri. Il procuratore ha emesso il mandato d’arresto sulla base di una denuncia depositata dalla “Associazione Hasnouna di sostegno ai consumatori di droghe” dove lavorava. Fatima Zahra è stata prima licenziata perché difendeva le rivendicazioni dei e delle salariate e il diritto sindacale. Aveva anche iniziato una procedura giudiziaria contro questa decisione abusiva e per reclamare i suoi diritti. I responsabili dell’associazione, che rifiutavano qualsiasi soluzione a questa causa di lavoro, si sono immediatamente inventati un’accusa di furto per negare a Fatima Zahra il suo diritto alle indennità.

Ma è piuttosto il contesto della crescita delle lotte degli studenti che spiega l’arresto della nostra compagna Fatima Zahra. Infatti, in quanto diplomata disoccupata, lei ha subito raggiunto il grande movimento di protesta contro la decisione del ministero dell’educazione di escludere dal concorso di ammissione all’insegnamento coloro che hanno più di 30 anni e ha partecipato attivamente al movimento dei e delle giovani scolarizzati in lotta contro la disoccupazione.

Lo Stato è terrorizzato di fronte a questo movimento che metterà realmente in causa le sue politiche neo-liberali e cerca di frenarlo con la repressione e gli arresti. La denuncia depositata dall’Associazione Hasnouna è stata usata scientemente dalle autorità che cercavano un alibi per stoppare l’attività militante della nostra compagna Fatima Zahra. Un’altra denuncia è stata poi depositata contro di lei dal preside della Facoltà di scienze giuridiche ed economiche di Tangeri, con l’accusa di aver organizzato assembramenti non autorizzati e di aver scandito slogans nell’edificio dell’università. La polizia ha inoltre sequestrato al suo domicilio due computer.

Noi di ATTAC CADTM Marocco:

  • Salutiamo le lotte dei giovani studenti e delle giovani studentesse e dei/delle diplomati/e disoccupati/e contro politiche economiche e sociali contrarie ai bisogni e alle aspettative della grande maggioranza della popolazione;
  • Condanniamo l’arresto della nostra compagna Fatima Zahra Ould Belaid, e esigiamo la sua liberazione immediatamente e senza condizioni;
  • Denunciamo tutte le forme di divieto e di repressione che attentano alle libertà sindacali e al diritto di manifestare;
  • Reiteriamo la nostra richiesta di libertà del nostro compagno giornalista, Omar Radi, e di tutti/e i/le prigionieri/e per reati di opinione;
  • Riaffermiamo la nostra determinazione a impegnarci nelle lotte e nei movimenti di resistenza del nostro popolo;

 

Segreteria nazionale
ATTAC CADTM Marocco
28 novembre 2021

 

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che ti interessa ciò che Attac Italia propone. La nostra associazione si autofinanzia con la tessera di chi vuole sostenerla. In questi mesi di restrizione degli spostamenti e di auto-distanziamento sociale, i comitati di Attac che lavorano sul territorio non possono però tesserare i nostri sostenitori. Per questo ti chiediamo di aderire e sostenerci on line cliccando qui . Un tuo click ci permetterà di continuare serenamente la nostra attività. Grazie